E’ morto Gorbaciov

E’ morto Gorbaciov, ultimo leader dell’Unione Sovietica e ultimo segretario del PCUS che fu prima di Lenin, poi di Stalin e di Breznev. Se ne va una delle ultime figure chiave del XX secolo, figura emblematica anche ai giorni nostri dato che le sue decisioni sono alla base dell’attuale contesto geopolitico.

Mikhail Sergeevich Gorbachev è nato il 2 marzo 1931 nel villaggio di Privolnoye nel distretto di Krasnogvardeisky nel territorio del Caucaso settentrionale (ora nel territorio di Stavropol) dell’URSS in una famiglia di contadini. Suo padre, Sergei Andreevich, lavorava come operatore di macchine in una stazione di macchine e trattori. Madre – Maria Panteleevna (nome da nubile Gopkalo), ha lavorato per tutta la vita nella fattoria collettiva.

Nel 1955, Mikhail Gorbaciov si laureò alla facoltà di giurisprudenza dell’Università statale di Mosca. M. V. Lomonosov, nel 1967 – il dipartimento di corrispondenza dello Stavropol Agricultural Institute (ora Stavropol State Agrarian University) con la qualifica di “agronomo-economista”.

È entrato a far parte del PCUS nel 1952, dal 1971 è stato membro del Comitato Centrale. L’ultimo segretario generale del Comitato centrale del PCUS è stato eletto a questo incarico nel 1985 dopo la morte di Konstantin Chernenko. Divenne il principale ideologo della glasnost e della perestrojka. Il primo e l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica – eletto nel marzo 1990, si è dimesso il 25 dicembre 1991. Vincitore del Premio Nobel per la Pace nel 1990. Dopo aver lasciato la presidenza dell’URSS, si dedicò ad attività sociali e letterarie.

Politico fuori sistema?

Andò oltre gli stereotipi sovietici e decise cambiamenti rivoluzionari. Il nuovo corso fu seguito quasi immediatamente dopo che Gorbaciov divenne Segretario generale del PCUS nel 1985. Dopo aver guidato il Soviet Supremo dell’URSS, ha proposto di introdurre la carica di presidente e di abrogare l’articolo della costituzione sul ruolo guida del partito.

A quel tempo, le parole russe “perestroika” e “glasnost” entrarono in molte lingue del mondo. Allo stesso tempo, le famose frasi di Gorbaciov “la cosa principale è iniziare” e “il processo è iniziato” sono andate anche al popolo. Nessuno, incluso lo stesso Gorbaciov, aveva ancora immaginato che ciò avrebbe portato alla fine al crollo dell’URSS.

Gorbaciov credeva sinceramente che il sistema sovietico potesse essere trasformato. Dopo aver ammesso i suoi errori, si è solo pentito di essere in ritardo con la riforma del partito. E ricordando il colpo di stato e il tradimento dei suoi compagni d’armi durante il suo viaggio a Foros, era seccato di essere eccessivamente sicuro di sé.

Fino alla fine della sua vita si è pentito del crollo dell’URSS, ha sognato un nuovo ordine europeo, un nuovo modo di pensare e ha osservato con ansia come il processo di disarmo, che sembrava essere in corso, stava svanendo.

Politico di livello mondiale?

Forse l’unico politico russo, Gorbaciov, anche dopo aver lasciato il potere, è rimasto un membro a pieno titolo del club informale dei leader mondiali. Ha mantenuto relazioni con i presidenti degli Stati Uniti Ronald Reagan e George W. Bush, l’ex primo ministro britannico Margaret Thatcher, il cancelliere tedesco Helmut Kohl e molti altri.

“Mi piace il signor Gorbaciov. Puoi occuparti di lui”, disse Thatcher dopo il primo incontro con lui a Londra nel 1984, dove fu invitato su sua iniziativa, mentre era ancora il secondo segretario del PCUS.

Dopo essere entrato in carica al Cremlino, Gorbaciov ha quasi immediatamente proclamato un “nuovo modo di pensare” negli affari internazionali. Il risultato fu la ripresa del dialogo sovietico-americano sul disarmo nucleare, la fine della Guerra Fredda e la firma del Trattato INF nel 1985; il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan, la caduta del muro di Berlino e la riunificazione della Germania. “Sono contento che ci siamo andati”, ha detto Gorbaciov, ammettendo comunque i suoi errori di calcolo.

Nel 1990, in riconoscimento dei grandi meriti di Gorbaciov come eminente riformatore e politico su scala globale, che ha dato un contributo unico a cambiare la natura stessa dello sviluppo internazionale, hanno ricevuto il Premio Nobel per la Pace.