Clamorosa sentenza UEFA: Milan fuori dalle coppe per un anno

Nel giorno dell’eliminazione della Germania dal mondiale arriva la tanto attesa sentenza Uefa sul caso Milan. Il risultato è una vera e propria stangata per i rossoneri, anche se, dati i precedenti, non del tutto inaspettata. Il Milan, da quanto si legge nel comunicato, sarà escluso da tutte le coppe europee per un anno, cioè di fatto dalla prossima Europa League alla quale il Milan si era qualificato con l’ottavo posto, e che vedrà impegnata la Fiorenta in sostituzione al club milanese. La Viola ha già disposto il ritiro anticipato, ma la società rossonera può fare ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport entro dieci giorni. Le motivazioni dettagliate della sentenza verranno spiegate con tempi più lunghi, ma per ora la UEFA parla di violazione della regola del pareggio di bilancio.
Il Milan, escluso anche dal settlement agreement, avrebbe infatti mancato continuativamente il pareggio di bilancio nel triennio 2014-17, andando ben oltre i 30 milioni di sforamento concessi dalla UEFA. Un vero disastro insomma, in una situazione già delicata per il Milan, che proprio in questi giorni sta cercando nuovi compratori che si accollino il pesante debito col fondo Elliott. Il presidente Li, infatti, non ha mai dato troppe garanzie in questo senso, contando anche le ombre che si sono addensate sulla sua figura negli ultimi mesi.
Compratori che ora potrebbero scoraggiarsi davanti ai possibili mancati introiti della stagione ventura, causando un duplice danno economico e d’immagine. Pochi i precedenti – il Galatasary nel 2016 – per una sentenza che ha del clamoroso per la propria durezza, ulteriore indice della totale instabilità finanziaria del club meneghino, da più parti paventata in passato. Il Milan, ora come ora, è aggrappato alla sentenza di ricorso del tribunale di Losanna.