Margot Robbie
Esteri

Barbie vietata nel Vietnam: la colpa è la linea dei Nove Tratti

Il Vietnam vieta la proiezione del prossimo film di Barbie nei cinema a causa di scene che raffigurano le rivendicazioni territoriali della Cina nel Mar Cinese Meridionale.

Il film, diretto da Greta Gerwig e interpretato da Margot Robbie e Ryan Gosling, doveva uscire quest’anno il 21 luglio nel paese.

Tuttavia, gli orari delle proiezioni non sono più presenti nei siti web delle principali catene di cinema vietnamite a seguito della decisione del governo di vietare il film a causa delle scene che mostrano la cosiddetta Linea dei Nove Tratti, ha riferito la stampa di stato.

Da anni, Pechino sta costruendo basi militari su isole artificiali nella regione e spesso effettua pattugliamenti nel tentativo di far rispettare le sue rivendicazioni territoriali.

Il nuovo film di Barbie, con Margot Robbie nel ruolo della famosa bambola, è stato ritirato dal Vietnam a causa delle scene che raffigurano la Linea dei Nove Tratti nel Mar Cinese Meridionale.

Inoltre, il film Uncharted, con Tom Holland, è stato anche vietato in Vietnam a causa delle scene che mostrano la Linea dei Nove Tratti.

L’uso della Linea dei Nove Tratti da parte della Cina è da lungo tempo causa di controversie, poiché dimostra le sue ambizioni espansionistiche su gran parte del ricco di risorse mare, spesso a scapito di paesi come il Vietnam, che rivendicano anch’essi parti della via marittima.

Cos’è la Linea dei Nove Tratti della Cina nel Mar Cinese Meridionale? La Linea dei Nove Tratti è un confine marittimo nel Mar Cinese Meridionale rivendicato dalla Cina, che afferma di possedere il territorio all’interno della linea.

Tuttavia, questa rivendicazione è contestata da molti paesi asiatici, tra cui il Vietnam, le Filippine, Taiwan, la Malaysia e Brunei.

La linea a forma di U è stata inizialmente rivendicata dal governo della Repubblica di Cina nel 1947.

Nel 1992, il Partito Comunista Cinese ha adottato il confine, aggiornando la sua legge sul mare territoriale e la zona contigua, secondo il libro Strategic Regions in 21st Century Power Politics.

I passaporti cinesi emessi dal 2012 in poi presentano una mappa stampata con la Linea dei Nove Tratti su tre pagine.

Nel 2016, la Corte Permanente di Arbitrato de L’Aia ha stabilito che non vi era alcun fondamento giuridico per molte delle rivendicazioni della Cina nell’area.

Il governo cinese ha fortemente contestato la sentenza.

La linea di confine è contestata anche da altri, tra cui le Filippine, Taiwan e la Malaysia.

“Il comitato di revisione del film ha visto il film e ha deciso di vietare la sua proiezione in Vietnam a causa della violazione della ‘Linea dei Nove Tratti'”, ha detto Vi Kien Thanh, direttore del Dipartimento Cinema del Vietnam, all’agenzia di stampa Dan Tri.

Un’altra agenzia di stampa di stato, Tien Phong, ha riferito che la scena della Linea dei Nove Tratti appare più volte nel film.

Tutti i film in Vietnam devono essere approvati dalla commissione di censura, che vieta la violenza gratuita, le scene a sfondo sessuale o il materiale politicamente sensibile.

Lo scorso anno, il film d’azione e avventura con Tom Holland, Uncharted, è stato bloccato dalla proiezione a causa delle scene che mostravano la stessa linea. È successo lo stesso nel 2019 quando è stato vietato in Vietnam il film d’animazione Abominable e Netflix è stato incaricato di rimuovere episodi della serie Pine Gap.

E nel 2018, il Vietnam ha tagliato una scena della commedia romantica Crazy Rich Asians che mostrava una borsa con una mappa del mondo che mostra le isole contese controllate da Pechino nel Mar Cinese Meridionale.

Il Mar Cinese Meridionale ospita importanti riserve di petrolio e gas e rotte marittime e molti dei vicini della Cina hanno espresso preoccupazioni riguardo ai tentativi di Pechino di espandere la sua influenza.

Tags
Secolo Trentino