Coronavirus: code nei supermercati e nelle farmacie aperte, controllo del turismo

Coronavirus: Esselunga

Trento – Anche in Trentino da oggi – il primo giorno post provvedimento – la suggestione da Coronavirus ha preso piede: le code ai supermercati per acquistare dei beni durevoli sono grosse, la gente ha pensato di fare delle scorte, forse temendo che ci siano in futuro dei problemi. “Non c’è un attimo di tregua” assicura una delle cassiere di un noto centro commerciale locale.

Le persone mantengono una certa distanza di circospezione, il metro suggerito ma anche ampiamente superato, ma non ci sono particolari segnalazioni di crisi dovute al panico da virus: in questo momento non ci sono avvertenze uteriori rispetto a quando sta comunicando il Presidente Maurizio Fugatti in merito alle iniziative di prevenzione intraprese ieri sera. Tranne per gli operatori del turismo.

Novità per le Farmacie, dove la corsa a alcuni prodotti, come la mascherine, sta effettivamente avvenendo e anche l’acquisto dei guanti in lattice nei negozi di detersivi.

La ulteriore novità riguarda proprio appunto il turismo: in mattinata l’arrivo delle comunicazioni per avere contezza di permanenze da e per le zone a rischio.

Del resto lo stesso sta accadendo a chi invece fosse deciso a frequentare zone di interesse geografico in Lombardia o Veneto: uno su tutti il divieto di sbarco sull’isola di Ischia per i residenti in Lombardia e in Veneto, nonché per i cittadini cinesi provenienti dalle aree dell’epidemia e per chi vi abbia soggiornato negli ultimi 14 giorni.

Dalla TASK FORCE LOCALE ore 12.00: D’intesa con il rettore si sta valutando di prolungare per tutta la prossima settimana la chiusura delle attività universitarie mentre nella giornata di domani, lunedì, si deciderà se adottare la medesima decisione per prolungare la chiusura anche degli asili e delle scuole di ogni ordine e grado.

!! Si estende al livello internazionale, per effetto di una decisione del Governo, la sospensione delle uscite didattiche e dei viaggi di istruzione a partire da oggi. Niente gite quindi, qualsiasi sia la destinazione, fino a nuova comunicazione.

PROSSIMO AGGIORNAMENTO ALLE 17.30.

Il Veneto annulla il Carnevale di Venezia e le sue iniziative, la Lombardia sospende il calendario del La Scala e così via fino alle Sante Messe, sospese in molte zone delle regioni interessate. In Trentino sospesi i concerti di maggior rilevanza e le iniziative che si tengono in luoghi chiusi con ammassamenti.

L’idea è che da una parte si stia procedendo con serenità nel vivere quotidiano, dall’altra molta paura che i casi possano aumentare e la situazione precipitare.

Certo, l’invito a prescindere da parte delle autorità è di mantenere la calma, ma evidentemente le famiglie preferiscono fare rifornimenti ed essere pronte anche ad eventuali contagi con ricoveri ospedalieri. Questo è il sentimento che serpeggia tra le persone “comuni”. (MC)

Foto di copertina: di repertorio