Agitu morta ammazzata dal dipendente in Val dei Mocheni

Riversa a terra, sul pavimento della camera da letto, ormai senza vita. Sul corpo segni di violenza. Agitu Gudeta Ideo, conosciuta da tutti come la pastora etiope di 42 anni che da tempo viveva in Trentino ed era diventata simbolo di integrazione, è stata trovata morta nella sua casa .

Colpi di martellate probabile omicidio volontario. Le indagini sono in corso. La donna aveva avuto innumerevoli danneggiamenti per gelosie e razzismo su cui tuttavia si era tutto reso chiaro. Una tragedia.

I PREMI E IL LAVORO IN FATTORIA

Agitu era stata premiata da Legambiente per la sua attività. Aveva ottenuto un grande consenso nelle sue presentazioni presso i ristoranti trentini per il prodotto sostenibile derivato dalla fattoria della Capra Felice. Per la minuscola Frassilongo e per il silente Trentino era motivo di sviluppo e di avanguardia. Uno dei tanti piccoli modelli da imitare.

LE ESPERIENZE DI RAZZISMO

Un pezzo rilevante di integrazione e un modello che lascia un solco irreversibile per l’inaccettabile epilogo dopo anni di varie vicissitudini con un elemento del luogo.

Ora una grave frattura mette in dubbio il concetto di cultura razzista lontano anni luce dalla dimensione del presente trentino.

Le indagini in corso e secondo alcune indiscrezioni escludono degli annessi col precedente stalking. Le testimonianze invece fanno ricadere qualche sospetto su un ragazzo straniero che aveva rapporti professionali con Agitu, che fra le tante cose che faceva era anche notoriamente conosciuta per dare lavoro a tanti collaboratori.

La chiarezza sta facendosi in seguito alle confessioni del lavoratore. Avrebbe ammazzato per pochi euro legati a uno stipendio non pagato.

Ovvero l’ennesima persona vile, che scarica la disperazione e il fallimento individuale e personale sugli altri, sui più deboli.

Con queste regole primitive di regolamento di conti personale non si deve convivere. É emergenza.

MC

Informazioni su martinacecco 213 Articoli
Giornalista scientifica, scrivo per Donnissima, già direttrice di Liberalcafé. Studentessa di Filosofia a indirizzo storico presso l'Università degli Studi di Trento.