photocredit: sole24ore
Esteri

Migranti: +300% arrivi nel primo trimestre

Il Mediterraneo centrale è diventata la rotta preferita per i migranti che cercano di raggiungere l’Europa attraverso rotte irregolari. Secondo Frontex, l’agenzia di frontiera dell’UE, nel primo trimestre del 2023, il numero di persone che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo centrale è tre volte superiore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, portando il numero totale di attraversamenti illegali del blocco a 54.000.

Quasi 28 mila persone hanno raggiunto l’UE attraversando il Mediterraneo centrale dal gennaio al marzo, un terzo in più rispetto all’anno precedente. Frontex ha affermato che gruppi di criminalità organizzata hanno sfruttato il clima favorevole e la volatilità politica in alcuni paesi di partenza per contrabbandare il maggior numero possibile di migranti attraverso il Mediterraneo centrale dalla Tunisia e dalla Libia.

Il governo italiano ha annunciato lo stato di emergenza sull’immigrazione in risposta all’aumento degli arrivi attraverso il Mediterraneo centrale. Chiedendo all’UE di fare di più per fermare gli arrivi via mare, il governo italiano ha adottato misure per poter respingere le persone più rapidamente. Tuttavia, gli attivisti sostengono che i diritti di rifugiati e migranti dovrebbero essere tutelati.

Nel frattempo, la situazione nel Mediterraneo centrale si è aggravata. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), tra gennaio e marzo 2023, sono stati documentati 411 morti sulla rotta del Mediterraneo centrale, rendendolo il primo trimestre più mortale registrato in sei anni. Il capo dell’OIM, António Vitorino, ha chiesto maggiori operazioni di ricerca e soccorso da parte delle autorità statali.

Per contrastare la migrazione irregolare, l’Unione europea ha intensificato gli sforzi per allontanare un maggior numero di migranti indesiderati e rafforzare le sue frontiere esterne. Politici di alto livello dell’UE stanno cercando di completare una riforma a lungo bloccata delle regole di asilo infrante del blocco prima delle elezioni europee del 2024. Tuttavia, contro i governi che promuovono la riduzione degli arrivi, gli attivisti stanno sottolineando l’importanza di onorare i diritti dei rifugiati e dei migranti.

Secolo Trentino