Alto Adige, contagi tra i turisti, chiudono alcune scuole

Lo scambio e i contatti tra turisti hanno portato un aumento dei positivi.

Di fronte ai casi – cercati con attenzione – dei quattro test positivi al contagio e dopo i nove casi sospetti, dato che inspiegabilmente cresce il numero di turisti stranieri tornati a casa con il Coronavirus da un soggiorno in Alto Adige – o almeno questa e’ la versione clinica – era prevedibile la necessita’ di fare il punto.

In Trentino ed in Alto Adige la conformazione geografica consente un controllo, un monitoraggio ed una mappatura pressoche’ simultanea degli eventi. E’ altresi’ impossibile il soggiorno in strutture in anonimato. Questa particolare attenzione al cliente consente d’altronde di aver contezza del range di rischio legato alla socialita’ dei singoli.

Per questo motivo di segnalazioni oggi la Provincia di Bolzano ha disposto la chiusura di alcune scuole in Alta Pusteria, Val Gardena e Val Badia.

Insieme alle scuole sono state penalizzate anche alcune manifestazioni.

Lo ha comunicato in conferenza stampa il governatore Arno Kompatscher, pregando di avere pazienza.

Per tutti si tratta di sacrifici: “di un atto di solidarietà per i gruppi di persone a rischio”.

A cura di Martina Cecco