E il Segretario della Lega Trentino sale a Moena per spalare il fango

0
6954

Moena invasa dal fango e ripulita in un incredibile lavoro di volontari nel giro di una mattinata. A colpi di badile quel fiume di fango caduto nella giornata di martedì è stato spostato da uomini e donne in stivali di gomma e maniche rimboccate, risucchiato dalle idrovore che sbucano dai seminterrati. Tra i vari volontari presenti anche il Segretario della Lega Trentino, Mirko Bisesti, il quale ha deciso di rinviare gli impegni elettorali della giornata per dare il suo sostegno, assieme a quello dei Giovani Padani, al popolo della Val di Fassa. In maglia verde e scarponi il nuovo segretario della Lega è stato avvistato da molti moenesi mentre era intento tra i cartelli stradali divelti, macchine inondate, e fango ovunque a spalare e a dare disposizioni ai suoi.

Nessuna dichiarazione alla stampa, la quale si è solamente limitata a riprendere da distanza il segretario intento a spalare. Un gesto forte, che risuona tra le genti di Moena e di tutta la Val di Fassa: la stagione turistica è in corso, non si può e non si deve indugiare nel riportare tutto com’era. Bisesti, da amante del luogo, sa che Moena ha bisogno di tornare allo splendore di qualche giorno fa, ed ogni vangata è un passo in più verso la rapida ricostruzione.

Le squadre della Protezione civile, oltre 100 persone, continuano a lavorare per pulire gli scantinati e cantine di abitazioni ed alberghi, soprattutto lungo la via principali. Nella giornata di ieri, i vigili del fuoco hanno ultimato lo svuotamento dei piani interrati dall’acqua mentre nei prossimi giorni dovrebbero ultimare la pulizia e il lavaggio delle pareti e delle pavimentazione dei locali. L’attività dovrebbe terminare entro la giornata di venerdì.
L’esondazione del torrente Costanlunga ha interessato l’acquedotto senza pregiudicare la potabilità dell’acqua: una cisterna di vigili del fuoco, con acqua potabile, è in ogni caso presente a Moena in caso di eventuali necessità.