Vent’anni di Gran festa del Desmontegar: un successo annunciato

Primiero – San Martino di Castrozza, 22 Settembre 2019: si è conclusa alla grande la ventesima edizione della Gran Festa del Desmontegar do, dopo i Primiero come di consueto con una serata di festeggiamenti e musica dal vivla tradizionale sfilata lungo i paesi dell’Alto Primiero e il pranzo tipico al tendone di Tonadico. 

Un calendario ricco di eventi che ormai scandiscono le giornate della manifestazione di anno in anno, una serie di appuntamenti che si rinnovano e tante idee, per una Festa che racconta le tradizioni contadine e i sapori locali in un’atmosfera e un ambiente unico ai piedi delle Dolomiti: la Mostra Concorso Bovina ha dato il via alla Gran festa del Desmontegar in una bella giornata di sole, riunendo giovedì 20 settembre presso l’Autostazione di Fiera gli allevatori di Primiero e Vanoi che hanno portato in piazza con loro le migliori 150 manze tra Brune, Grigio Alpine, Pezzate Rosse e Frisone, e diversi cavalli Noriker e Haflinger, per la consueta mostra in presenza degli esperti di razza.

Venerdì 20 ha visto protagonisti il gusto e i sapori del territorio: la visita guidata al Caseificio di Primiero ha dato inizio alla seconda giornata della manifestazione, in attesa di Agritur in Piazza a Tonadico, evento che anche quest’anno ha registrato ottimi numeri dedicato ad agriturismi e aziende agricole locali, alle loro attività d’allevamento e all’artigianato, in una serata accompagnata da buon cibo, dimostrazioni di vita contadina e mercatini dell’artigianato. A fine serata, si sono svolte a Tonadico anche le premiazioni della terza edizione del concorso di pittura Desmonteg-Art, quest’anno con il tema “disegna la tua Malga”.

La giornata di sabato 22 settembre ha visto un pallido sole splendere sul Primiero, permettendo così una buona riuscita di En dì al Maso, tour gastronomico tra masi di montagna e scene di vita agreste che ha riunito oltre 350 ospiti tra il passo Gobbera, Solán e Imèr: uno splendido itinerario ha dato la possibilità ai presenti di scoprire il territorio e le tradizioni locali di un tempo, in un evento che ha superato il grande successo dello scorso anno, con grande soddisfazione degli organizzatori. Le diverse tappe, tra degustazioni dolci e salate, laboratori per bambini e dimostrazioni delle attività contadine hanno condotto i partecipanti attraverso scenari unici e scorsi rurali di grande bellezza.

La mattinata di domenica, dedicata alla tradizionale sfilata della Desmontegada, quest’anno è stata baciata dai caldi raggi del sole che fin dalle prime ore del mattino  ha scaldato la grande folla presente lungo le vie e i marciapiedi che costeggiano il percorso che da Siror ha condotto il corteo a Tonadico, passando per Fiera di Primiero e Transacqua. Annunciati dalla banda musicale “Musega de Vich” e il gruppo degli Schützen di Primiero, i gruppi di allevatori e animali hanno sfilato tra vivaci colori e i balli dei gruppi folkloristici locali, le famiglie, i coscritti del 2001 e gli amici della Desmontegada. Tutti i gruppi hanno sfilato con grande entusiasmo, agghindati a festa insieme a mucche, asinelli, cavalli, capre e pecorelle, oche e coniglietti, con carri e carrozze decorati da fiori e nastri per uno spettacolo davvero unico. L’arrivo del corteo a Tonadico ha sancito l’inizio della festa e del pranzo tipico sotto i tendoni allestiti nella zona del centro sportivo. La festa è poi proseguita nel pomeriggio con l’estrazione dei vincitori della Lotteria della Desmontegada organizzata dall’Unione Allevatori di Primiero e con le premiazioni dei 3 migliori gruppi partecipanti alla sfilata. Questa ventesima edizione della manifestazione incorona vincitore il gruppo di Maso Vaieta (in foto di copertina), seguito da Malga Vallazza che si aggiudica la seconda posizione. Il terzo premio, dedicato come di consueto all’animale più bello va invece al nuovo gruppo “Dent del Maso”, grazie al loro montone che ha conquistato la folla lungo le vie dei paesi toccati dalla sfilata.

Soddisfatti gli organizzatori dell’evento, non solo per l’ottima  affluenza nonostante la giornata nuvolosa ma soprattutto per la riuscita di un evento nato e portato avanti da molte persone che donano gratuitamente tempo ed energie per tutto il corso dell’anno e che vedono poi il risultato del loro sforzo durante questa grande giornata.

Un sentito ringraziamento va a tutti coloro che anche quest’anno hanno reso possibile una delle manifestazioni più importanti in calendario in Primiero: i gruppi degli allevatori di Primiero e Vanoi, le associazioni Tonadighi Strighi e Comitato Tradizioni e Cultura di Siror e tutti i volontari e i numerosi sponsor e sostenitori.

FOTO QUI