Turismo. Il Consigliere Job: “la cosa migliore sono i tamponi, danno più sicurezza di un vaccino che magari ha qualche mese d’età”

photocredit: Consiglio della Provincia Autonoma di Trento

“Io sono convinto, per quanto riguarda il turismo, che la cosa migliore sarebbe stata un green pass normale ma soprattutto un controllo con i tamponi perchè è un dato di fatto, ma io lo dicevo già qualche mese fa, da più sicurezza un controllo a tamponi che un vaccino che magari ha qualche mese di età”.

Ad affermarlo è stato il Consigliere provinciale di Lega Salvini Trentino, Ivano Job, intervenuto all’interno di “A tu per Tu”, programma di Trentino Tv in collaborazione con l’Ufficio Stampa del Consiglio provinciale della Provincia Autonoma di Trento.

Job, che ha riferito di appartenere alla categoria dei guariti dal Covid-19, è intervenuto all’interno della trasmissione fornendo il suo personale pensiero in merito alla delicata questione della gestione del turismo in questo periodo di pandemia.

Nel suo intervento il Consigliere provinciale di Lega Salvini Trentino ha specificato di aver deciso, dopo essere guarito dal Covid-19, di non fare il vaccino ma di avvalersi della possibilità di avere il Green pass con il tampone. Specificando inoltre di non essere un “no vax” ma di ritenere il tampone la misura più sicura e un controsenso l’andare in montagna senza aver effettuato un tampone ma solo con il vaccino.

Rispondendo ad una specifica domanda dell’intervistatore, Ivano Job ha specificato di tenere monitorato il numero dei suoi anticorpi mensilmente recandosi in un laboratorio privato, specificando come “dopo circa 19 mesi dalla sua guarigione” il numero di anticorpi rilevati sia calato sensibilmente e che effettuare a breve un nuovo controllo.

Tali dichiarazioni appartengano solamente ad uno stralcio del lungo intervento del Consigliere Job, (l’intervista si è poi spostata su altre tematiche sempre legate alla pandemia), con lo stesso che ha voluto chiarire come tutti i controlli derivanti dalla sua scelta di non vaccinarsi, come la conta degli anticorpi, siano stati effettuati in strutture private e quindi totalmente a carico suo.

Informazioni su carloalbertoribaudo 203 Articoli
Di Verona, giornalista pubblicista dal 2021. Collabora con Secolo Trentino dal 2017, occupandosi principalmente di Cultura, Società e Politica.