Crisi russo-ucraina. La provocazione di Mosca: “La NATO non sa valutare la situazione”

the famous saint basil s cathedral in russia
Photo by Дмитрий Трепольский on Pexels.com

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai media “La NATO ha un problema nel sistema di valutazione della situazione”, rispondendo alle dichiarazioni della NATO in cui si è sostenuto che vi sia una “mancanza di prove” sul ritiro delle truppe russe dalle esercitazioni. “Al contrario, sembra che la Russia continui la formazione militare”, ha affermato il capo della NATO Jens Stoltenberg. “Quello che vediamo è che hanno aumentato il numero di truppe e altre truppe sono in arrivo”.

Quante truppe russe sono di stanza ai confini dell’Ucraina?

La Russia ha ammassato truppe in varie posizioni lungo i confini dell’Ucraina, ma sapere esattamente quante sono è difficile.

Funzionari occidentali la scorsa settimana hanno affermato che il numero ha raggiunto 130.000, in aumento rispetto alla precedente stima di 100.000. Ma in un discorso di martedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha messo la cifra ancora più alta, a 150.000.

Mentre la Russia afferma che sta iniziando a ritirare le truppe, inclusa la fine delle esercitazioni militari in Crimea, non ha fornito alcun numero.

Conosciamo i luoghi in cui hanno sede le truppe e che unità in arrivo da tutta la Russia sono state aggiunte a circa 35.000 militari che erano permanentemente di stanza vicino al confine con l’Ucraina.

I nuovi dispiegamenti includono circa 30.000 soldati in Bielorussia , dove sono previste esercitazioni militari congiunte fino al 20 febbraio.

Il rischio di un’invasione russa “a sangue pieno” dell’Ucraina non è mai stato così alto come alcuni governi occidentali hanno descritto e ora si è “ritirato”, ha affermato l’ex capo dell’MI6.

John Sawers ha dichiarato al programma Today della BBC Radio 4: “Non credo che il presidente Putin abbia mai deciso di invadere il Paese e, anzi, penso che sarebbe sempre stato un corso molto rischioso per lui”.

“Ma penso che anche la Russia ne sia uscita con una serie di importanti guadagni”, ha aggiunto, dicendo che aveva riportato le preoccupazioni della Russia in cima all’agenda della sicurezza internazionale, gli ucraini erano stati intimiditi e gli europei erano stati ricordati come dipendono dal gas russo.

Sawers ha aggiunto: “Penso che in qualche modo il presidente Putin penserà di essere in vantaggio su questo punto e ha ancora varie opzioni militari che può utilizzare in Ucraina”.