Qualcuno volò sul nido del SECOLO

Photocredits Web

Siamo il vuoto assoluto, nessun problema a riguardo: ci piace essere così; ma almeno lo siamo con la schiena dritta e non ci vendiamo mai al miglior offerente.

Non bastavano le ennesime accuse, da parte di alcuni giornali, rivolte alla direzione del giornale La Voce del Trentino per calmare i vertici della testata on-line: sono usciti fuori con un’altra perla di saggezza, questa volta indirizzata nei nostri riguardi. La nostra colpa? Essere una testata che letteralmente “Non produce accessi”. Benissimo, ma è altresì vero che non siamo neanche una realtà commerciale, a differenza di altre realtà presenti sul territorio.

Forse questo qualcuno se l’è dimenticato (o non ne è al corrente), abbagliato dalla propria caratteristica di forte natura commerciale. Ergo rivolta solamente al profitto. Un po’ diversa dalla nostra realtà che invece si basa sul terzo settore e quindi ha criteri totalmente diversi e consolidati da ormai 8 anni.

La differenza tra noi e loro è che la loro testata ha come unico scopo quello di produrre accessi senza puntare in alcun modo – e questo lo dimostrano i numerosi articoli in cui sono stati accusati di fake news vero o falso che sia- ad un giornalismo che produca notizie e cultura senza rincorrere i click. Ci stupisce inoltre un simile attacco dato che tutte le testate del Trentino – pur nelle loro differenze – si sono comportate con correttezza tra di loro sebbene con linee editoriali differenti.

Qualcuno questo aspetto non lo osserva e nel suo cercare di fare a tutti i costi accesso denigra il lavoro fatto – non a scopo commerciale – dal nostro giornale.

SECOLO TRENTINO ha sempre ripudiato gli atteggiamenti iperliberisti, sia politici che economici, di chi venera il mercato quale unico Dio. Si tratta infatti del germe che ha generato il globalismo, la dittatura economica mondiale e tutti gli altri guasti che stanno distruggendo l’identità e le radici dei popoli.

Uno dei capisaldi del pensiero unico di cui tanto certa “destra” improvvisata si riempie la bocca. La APS (associazione di promozione sociale) che regge SECOLO TRENTINO ha tra i propri obiettivi quello di creare una nuova generazione di giovani giornalisti che abbiano come faro i valori anzidetti, anche a discapito della visibilità mediatica o dei like sui social.

Con buona pace di chi gongola per i click, scrivere resta un atto culturale.

Raimondo Frau