Obbligo vaccinazione per i sanitari? Grimaldi (Anaao): “Non capisco come possano esserci medici con dubbi su vaccino di fronte a evidenze scientifiche”

Alessandro Grimaldi, direttore dell’Unità operativa di malattie infettive dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila e segretario di Anaao assomed Abruzzo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus per commentare, tra le varie, la decisione del Consiglio di Stato che ha stabilito la legittimità dell’obbligo di vaccinazione per i sanitari.

Proprio su questa decisione, Alessandro Grimaldi, ha affermato: “Si è capito perfettamente che il vaccino funziona, è un gran prodotto, molto efficace.. La sentenza non fa altro che confermare la tendenza generale, la maggior parte degli operatori sanitari si è vaccinata, oggi non muoiono più gli operatori sanitari perché sono vaccinati, è crollato anche il tasso di infezioni degli operatori sanitari. Deve prevalere l’interesse generale sulle pulsioni dei singoli. L’evidenza scientifica ci dice che in questo momento gli effetti gravi imputabili presumibilmente al vaccino sono 16 su oltre 80 milioni di dosi somministrate”.

Proseguendo nel suo intervento, il Segretario di Anaao Assomed ha poi aggiunto: “Anche il discorso delle cosiddette miocarditi è stata in percentuale clamorosamente ridimensionata, così come la fake news sulla possibile infertilità causata dal vaccino. Di fronte a tutte queste evidenze scientifiche non capisco come ci possano essere medici che hanno dubbi, a questo punto dovremmo mettere in discussione qualsiasi terapia, non si capisce perché questa gente si ostini a non vaccinarsi ben sapendo che le conseguenze del covid sono ben più gravi rispetto ai possibili effetti collaterali del vaccino. Io rispetto tutti e credo che ci debba essere sempre un dibattito aperto sulle questioni scientifiche, ma allo stato attuale l’evidenza è che con questo vaccino stiamo salvando migliaia di vite.

Sempre in merito ai vaccini, il Dottor Grimaldi ha ricordato come i vaccini siano stati molto importanti per lo sviluppo della società: “I vaccini hanno fatto fare un balzo all’umanità notevole, poi che i vaccini come tutte le sostanze possano avere su alcune persone degli effetti collaterali su questo non ci sono dubbi, ma hanno effetti collaterali tutte le terapie e i farmaci che salvano la vita. Il dibattito dovrebbe essere su come vaccinare tutta la popolazione mondiale”.

Infine, concludendo il suo intervento il direttore dell’Unità operativa di malattie infettive dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila ha voluto spendere alcune parole sulla situazione Covid in Gran Bretagna, affermando: “La Gran Bretagna è stato uno dei primi Paesi ad avviare una campagna di vaccinazione di massa, adesso sta scontando riaperture troppo disinvolte e l’abbandono dei dispositivi di protezione individuale. Non bisogna abbandonare i dispositivi di protezione individuale come le mascherine al chiuso. L’Italia da questo punto di vista sta dando un buon esempio”.