Attualità Politica

Giro (FI): “Appunti Berlusconi su Meloni? Non erano i suoi pensieri, ha appuntato quello che ha sentito nella riunione dei senatori di FI”

Francesco Giro ha esordito parlando proprio dello scontro tra Berlusconi e Meloni: "C'è stato un confronto duro tra due leader. Indubbiamente Meloni ha ottenuto un risultato straordinario, quindi è giusto che lei possa affermare il suo ruolo, ma è giusto anche confrontarsi con chi ha fondato il centrodestra, a cui tutti noi dobbiamo molto.

Francesco Giro, ex senatore di Forza Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” condotta da Gianluca Fabi ed
Emanuela Valente su Radio Cusano Campus, per parlare, tra le varie, dello scontro avvenuto tra Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, leader rispettivamente di Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Francesco Giro ha esordito parlando proprio dello scontro tra Berlusconi e Meloni: “C’è stato un confronto duro tra due leader. Indubbiamente Meloni ha ottenuto un risultato straordinario, quindi è giusto che lei possa affermare il suo ruolo, ma è giusto anche confrontarsi con chi ha fondato il centrodestra, a cui tutti noi dobbiamo molto. Quello che noi richiediamo al nostro alleato FDI è di avere un atteggiamento aperto, dialogante con Forza Italia, che comunque ha chiuso all’8%, confermando il risultato delle elezioni europee. Una coalizione sta bene insieme, se c’è un buon rapporto e un’interlocuzione sempre aperta. Adesso si dovrà affrontare il nodo della lista dei ministri. Entro oggi si costituiranno i gruppi, verranno nominati i capigruppo e gli uffici di presidenza, quindi avremo tutti gli attori in campo. Credo che la settimana prossima avremo il nuovo governo”.

Infine, prima di concludere, l’ex senatore di Forza Italia ha trattato anche il tema degli appunti di Berlusconi su Meloni: “Quel foglietto è stato compilato durante la riunione di gruppo di Forza Italia, ma immediatamente dopo l’incontro non positivo con Meloni. Naturalmente i senatori di FI si erano accalorati nel difendere le aspettative di Forza Italia e quindi Berlusconi appuntava ciò che dicevano gli interlocutori. Lui da sempre ascolta e fissa sempre quello che viene detto. Lui poi è andato in aula, non credo che fosse voluto il fatto di far vedere quegli appunti. Io credo che la Meloni abbia tutto l’interesse a risolvere la questione e ad andare avanti”.

Secolo Trentino