Salute

Parla la sessuologa Spina: “Quando c’è un rapporto stabile spesso la dipendenza sessuale porta al tradimento”

La dipendenza sessuale è una condizione in cui non si può fare a meno del sesso in tutte le sue sfumature e sfaccettature”. Lo afferma la sessuologa Rosamaria Spina intervenendo riguardo il tema della dipendenza dal sesso. “Può quindi essere una dipendenza dalla pornografia, dalla masturbazione, dal ricorrere a escort e prostitute – continua la Dott.ssa Spina – può essere una dipendenza dai rapporti sessuali completi. Tutto ciò che rientra nelle attività sessuale può essere fonte di sfogo per chi ha una dipendenza appunto. C’è poi chi prevalentemente può scegliere una pratica come l’autoerotismo, il sesso orale o quello anale e chi invece fa ricorso a tutte le forme della sessualità pur di riuscire a dare sfogo a questo bisogno. Il problema però è che questo bisogno non viene mai soddisfatto se non per pochissimo tempo.”

Quando c’è un rapporto stabile spesso la dipendenza sessuale porta al tradimento, a meno che non ci sia un partner o una partner che in qualche modo riesca a sostenere il partner con la dipendenza perché anche lei (o lui) ha un desiderio sessuale così elevato da riuscire a supportare la persona con dipendenza appunto. Nella maggior parte dei casi questo non si verifica mai perché nella dipendenza sessuale c’è la richiesta di uno sfogo così tanto elevato che il partner da solo non riesce a soddisfare tutto questo bisogno quindi la persona dipendente cerca altrove (sesso o pornografia come dicevamo).”

Parliamo quindi di dipendenza sessuale quando questa ricerca di sesso mette in secondo piano tutte le altre attività della vita, – continua la sessuologa Spina -quando non si può fare a meno di mettere in atto un certo comportamento. Il diretto interessato, o la diretta interessata, è consapevole di questo ma non riesce a controllarsi. In alcuni casi la persona con dipendenza sessuale può diventare un molestatore ma non è la caratteristica principale. In alcuni casi però si può verificare soprattutto quando c’è un bisogno fisico di sesso che non si può esaurire con la masturbazione esclusiva.”

Non sempre il dipendente sessuale è capace di capire che in certe circostanze sarebbe meglio non mettere in atto alcuni comportamenti come la masturbazione o il sesso penetrativo appunto, sul luogo di lavoro per esempio o durante la guida in auto. La persona con dipendenza è consapevole che il momento non è opportuno ma nel momento in cui scatta un certo bisogno il suo controllo è molto limitato e sente che quel bisogno deve essere soddisfatto.”

Chi ha una dipendenza sessuale, sia una donna che un uomo, ha una eccitazione perenne, quasi mai ad un ‘livello zero’. Si vive in un costante stato di eccitazione che poi va crescendo fino a che non viene soddisfatta la voglia. Dopo lo ‘sfogo’ si abbassa ma senza mai arrivare a livello zero. Così fino al prossimo soddisfacimento. Il problema però è non c’è mai una vera e propria soddisfazione sessuale, un vero e proprio appagamento, come avviene invece in chi non ha una dipendenza dal sesso. Si pensa sempre che il prossimo rapporto potrà essere più gratificante, cosa che non avviene mai.”

Secolo Trentino