Il Signor Lucano e quella doppia morale che non sopporto più

Il sindaco di Riace, anzi il sig.Lucano non è stato arrestato per motivi politici, il suo non è un processo dovuto ad azioni politiche ma per presunti reati comuni.
Il Signor Lucano, secondo l’accusa avrebbe falsificato carte di identità dandole a soggetti di cui non conosceva l’identità, avrebbe celebrato matrimoni inesistenti allo scopo di aggirare la Legge Bossi-Fini, inoltre avrebbe gestito gli appalti del Comune come se fossero i servizi di casa sua, in palese violazione delle Leggi.
Insomma, non è stato arrestato per il modello Riace così come raccontato ma per il modello Riace per come è realmente, ovvero una sistematica violazione di Legge.
Ovviamente le anime belle della sinistra dicono che è un complotto ordito da Salvini ma le indagini sono iniziate quando Salvini faceva solo l’eurodeputato in un partito da 4% e al Governo ci stava Renzi.


Ma, dicono candidamente i cretini antidemocratici, la Legge Bossi-Fini è ingiusta e la sua violazione è una ribellione al sistema, ha fatto come Schindler che ha falsificato una lista per salvare ebrei.

Dimenticano di dire che la Germania Nazista non era uno Stato di Diritto, non era una democrazia, mentre la Bossi-Fini è espressione della maggioranza parlamentare che l’ha approvata e anche di tutte quelle che si sono susseguite che l’hanno confermata. In realtà è espressione del 100% del Parlamento italiano, non mi risulta esistano partiti che abbiano proposto l’abrogazione della Bossi-Fini e, se ci sono, certo non hanno riscosso ampi consensi.
In una Democrazia il cittadino non ha bisogno di disubbidire alle Leggi, può candidarsi a farle. Il Sindaco di Riace avrebbe potuto fare un partito con il programma di consentire a chiunque di entrare in Italia, avremmo visto il consenso che avrebbe riscosso e, ottenuta la maggioranza parlamentare, avrebbe potuto cambiare la Legge.
Funziona così in democrazia, non è che se non mi piace una Legge faccio documenti falsi perché se faccio documenti falsi commetto un reato.
Sia chiaro, non è l’unico cittadino che commette questo tipo di reati, arresti di organizzazioni malavitose che gestiscono finti matrimoni per dare permessi di soggiorno e cittadinanza.
Onestamente a me del Sindaco di Riace non interessa, spero riesca ad essere assolto. Mi interessa di una lingua menzognera e di una doppia morale insopportabile.
Del resto, a rafforzare il mio ragionamento, ho letto che tra i sostenitori dell’innocenza del sig.Lucano c’è un tale che viene spacciato per intellettuale ma che in realtà ha avuto una condanna definitiva per omicidio, si chiama Adriano Sofri.


A me di Lucano non me ne frega niente, mi interessa solo la verità e la verità è che il Signor Lucano ha fatto presumibilmente carte d’identità false, esattamente come quelle che ha fatto la mafia per coprire la latitanza di tanti.  Questo solo perché la doppia morale non la tollero più.

Antonio Tisci
Informazioni su Antonio Tisci 12 Articoli
Avvocato e politico del Sud Italia