Minacce di morte a Fugatti. Solidarietà da Lega, Fassa e Futura

Sono apparse questa notte delle minacce di morte all’indirizzo del Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti nei pressi del Trincerone sullo Zugna. Il presidente sembra essere stato preso di mira per il progetto della Valdastico, secondo quanto apparso nelle scritte.

Durissima la critica verso queste scritte da parte del mondo leghista. Mara Dalzocchio, Capogruppo in Consiglio provinciale, attacca duramente gli autori: “Le minacce di morte da parte di qualche nazi-ambientalista non possono che convincerci del fatto che la Valdastico sia sgradita solo a un gruppo di facinorosi giunto alle minacce di morte, gesto che deve essere condannato da tutte le forze politiche. Si può non essere d’accordo su un’opera che certamente aiuterà l’economia del Trentino e di una città per troppi anni abbandonata come Rovereto, ma il confronto deve essere civile“.

Mi pare che forze politiche come la Lega – ha concluso la Dalzocchio – non si siano mai espresse così in questi anni, pur stando per decenni all’opposizione. Da parte mia e di tutto il gruppo consiliare massima solidarietà al Presidente Fugatti“.

Sulla stessa linea anche Mirko Bisesti, Segretario della Lega in Trentino: “Non sanno certo imbecilli ignoti e codardi a fermare il Trentino del sì, il Trentino che vuole uno slancio culturale, sociale ed economico che passa anche attraverso la realizzazione di infrastrutture necessarie per lo sviluppo del territorio“. “A nome mio e di tutta la legua – prosegue l’Assessore alla Cultura – la massima solidarietà al Presidente Fugatti, al quale va il nostro invito a non lasciarsi intimidire da pochi facinorosi e a proseguire con la realizzazione di opere che il Trentino aspetta da decenni“.

Solidarietà anche da Luca Guglielmi, Consigliere provinciale per la lista Fassa: “A titolo personale e per conto del movimento politico che rappresento, condanno senza alcuna attenuante le scritte ingiuriose apparse sul Trincerone dello Zugna nei confronti del Presidente Fugatti, a cui va la nostra piena e convinta solidarietà. In alcun modo e per nessun motivo la diversità di opinioni devono trovare sfogo nell’odio, nelle offese personali e nella violenza anche solo verbale“.

Anche le opposizioni hanno fermamente criticato le scritte minacciose. Il direttivo della lista Futura di Paolo Ghezzi è infatti intervenuto con un comunicato al riguardo: “La lista Futura condanna senza remore qualsiasi scritta irriguardosa o ingiuriosa verso chiunque e in particolar modo nei confronti del Presidente Fugatti che rappresenta l’istituzione provinciale trentina. La politica dell’odio non porta da nessuna parte“.

Futura crede nell’opposizione come resistenza civile e nonviolenta, anche a livello verbale. Per questo condanniamo fermamente le minacce di morte al presidente della Provincia apparse sul Trincerone” conclude il direttivo.