Manifestazioni di piazza: ANPI sia responsabile

Manifestazioni di piazza: da ANPI si auspica massima responsabilità.

Francesca Gerosa, commissario di Fratelli d’Italia per il Trentino, interviene con un comunicato che volentieri pubblichiamo, in merito alla paventata organizzazione di una celebrazione di piazza del 25 aprila da parte di Anpi Trentino.

“Apprendo con sgomento la notizia, diffusa dai canali ufficiali del Governo, secondo cui “la circolare inviata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri non esclude in alcun modo l’Anpi dalle celebrazioni del 25 aprile” e che addirittura “le associazioni partigiane e combattentistiche potranno quindi partecipare alle celebrazioni” se non fosse drammatico sarebbe ridicolo” esordisce Gerosa.


“Quest’emergenza globale ci sta vedendo tutti obbligati a restare chiusi in casa, con gli enormi danni che ciò comporta per tutte le nostre imprese, per i nostri negozianti e per tutto il tessuto economico e sociale. Le nostre famiglie stanno resistendo al Lockdown e lo stanno affrontando con responsabilità e senso del dovere, nonostante le difficoltà anche emotive che accompagnano questa scelta governativa.” prosegue la dirigente di FDI.

“Nella drammatica situazione in cui la nostra Penisola versa, con un tragico bilancio di oltre 25 mila vittime, il Governo  -terminato il gioco delle sedie per spartirsi le partecipate pubbliche – si permette di mettere a rischio l’incolumità pubblica per consentire le manifestazioni di nostalgici partigiani? Ripeto, se non fosse un’offesa a tutto il Popolo Italiano, alle vittime e alle famiglie che non hanno nemmeno potuto dare il postremo saluto ai propri morti perché non si possono celebrare funerali per evitare rischi di contagio, tutto ciò sarebbe grottesco.”
Mi auguro quantomeno che le stesse associazioni partigiane dimostrino il senso di responsabilità che anche in questa occasione il Governo nazionale ha dimostrato non solo di non avere ma proprio di non conoscere. Al di là delle partigianerie – in tutti i sensi – mi rivolgo in particolare all’ANPI Trentina: L’Italia oggi deve essere liberata sul serio e l’unico modo per liberarla dal virus è evitare i contagi. Non mettete a rischio l’incolumità del Popolo Trentino che sta già subendo fin troppi dolori e non si merita di essere messo a rischio inutilmente.
I Trentini, come tutti gli Italiani d’altronde, hanno già trascorso in casa le Sante ricorrenze Pasquali, ivi hanno festeggiato Pasquetta, potranno festeggiare allo stesso modo anche anche San Marco!” conclude Francesca Gerosa.