La menzogna giornalistica della settimana: lo spread aumenta per colpa della Bce

gold and silver round coins
Photo by cottonbro on Pexels.com

Onore al merito! Non è facile fare i giornalisti, oggi. Obbligati a rispettare le indicazioni del Ministero della Verità e riuscire a mentire ogni giorno, più volte al giorno, conservando anche un minimo di lettori e persino qualcuno che crede alle bugie dei disinformatori di regime. Da un lato continuare a raccontare i successi militari di Zelensky mentre le truppe ucraine si riposizionano sempre più indietro; poi spiegare che due combattenti inglesi ed uno marocchino catturati in Donbass sono fondamentalmente ucraini. Ed ora raccontare che la crescita dello spread è conseguenza della decisione della Bce di alzare i tassi.

Fingendo di dimenticare che lo spread non è un valore assoluto ma un rapporto tra titoli italiani e tedeschi. Ed i tassi sono stati aumentati sia in Italia sia in Germania (e nel resto dei Paesi europei). Christine Lagarde, presidente della Bce, ha preso la decisione per raffreddare la crescita senza controllo dell’inflazione. Però le conseguenze sono state diverse a seconda dei Paesi. Per l’Italia sono state più pesanti.

Strano, perché i chierici di regime hanno sempre raccontato che Sua Mediocrità Mario Draghi è il leader più apprezzato in tutta Europa, in tutto il mondo, in tutto l’Universo. Vuoi vedere che non era vero? Vuoi vedere che i mercati non hanno, nei confronti del suo governo, tutta quella fiducia che ci raccontavano i disinformatori di regime? Vuoi vedere che la politica dei ristori, delle mance e degli sprechi per compensare la disastrosa gestione del Covid non è stata una genialata? Che aver spinto l’indebitamento a livelli folli senza effettuare investimenti strutturali è stata una scelta stupida?

Vuoi vedere che la scelta di trasformarsi nei maggiordomi di Biden, applicando alla Russia sanzioni demenziali, ha avuto effetti devastanti sulle famiglie italiane, ben oltre i “piccoli sacrifici” raccontati da Sua Mediocrità e da Mattarella?

Adesso, grazie al governo dei maggiordomi ed all’oppofinzione atlantista, le famiglie italiane pagano prezzi assurdi per la benzina; pagano bollette insostenibili per luce e gas; pagheranno mutui sempre più costosi; pagano, sino a quando riescono, cifre sempre più alte per pane, pasta, verdura, frutta, carne, latte.

Christine Lagarde, però, alza i tassi per il nostro bene. Piccoli sacrifici. E poi dimagrire fa bene alla salute. Il caldo eccessivo d’inverno infiacchisce il corpo e lo spirito; l’aria condizionata d’estate fa male ai bronchi; la carne è cancerogena. “Manca la carne e poco ci rincresce: abbiam tre mari e abbiamo tanto pesce che a chi lo vuole lo possiamo regalar”. Già, ma quelli erano i tempi delle “inique sanzioni”.  Ora le sanzioni sono buone e giuste. Peccato che, grazie alle sanzioni buone e giuste, i pescatori non riescano neppure ad uscire in mare e le famiglie italiane non possano più permettersi di comprare il pesce. Piccoli sacrifici..

Augusto Grandi