Società

Ecco cosa sarà suddivisa l’eredità della Regina Elisabetta II

Re Carlo eredita non solo il trono dopo la morte di sua madre, la regina Elisabetta II, ma anche la sua fortuna privata, senza dover pagare la tassa di successione.

I monarchi britannici non sono tenuti a rivelare le loro finanze private, ma secondo la lista dei più ricchi inglesi del Sunday Times del 2022, la regina aveva un patrimonio di circa 370 milioni di sterline (426 milioni di dollari), in aumento di 5 milioni di sterline rispetto all’anno precedente.

La maggior parte della ricchezza personale del defunto sovrano passerà infatti a Carlo, senza che il governo britannico ne ottenga una fetta, e senza che ci siano suddivisioni di castelli o di altre proprietà. Ma il vero patrimonio non è tanto quello monetario, quanto quella relativa alla Crown Estate e alla Royal Collection di arte e gioielli, oltre alle residenze ufficiali e agli archivi reali – è detenuta dalla monarchia come istituzione.

In quanto tali, passeranno a Charles solo in fiducia. Allo stesso modo, i gioielli della corona, stimati per un valore di almeno 3 miliardi di sterline, appartenevano solo simbolicamente alla regina e vengono automaticamente trasferiti al suo successore.

La ricchezza privata della regina sarà aggiunta a quella di Carlo, che è stata stimata in circa 100 milioni di dollari dal sito celebritynetworth.com.

In confronto, il defunto marito di Elisabetta, il principe Filippo, ha lasciato una proprietà più modesta del valore di 10 milioni di sterline, inclusa una collezione d’arte di circa 3.000 opere, la maggior parte delle quali sono state donate a familiari e amici, ha riferito il Sunday Times.

Un tribunale nel 2021 ha ordinato che il suo testamento fosse suggellato per 90 anni. Come re, Carlo eredita il Ducato di Lancaster, una proprietà privata di beni commerciali, agricoli e residenziali di proprietà dei reali sin dal Medioevo.

Il monarca ha il diritto di utilizzare il suo reddito e lo utilizza in gran parte per far fronte alle spese ufficiali. Nell’anno finanziario 2021-22, ha prodotto un avanzo netto di £ 24,0 milioni.

D’altra parte, Carlo perderà il Ducato di Cornovaglia, un’altra proprietà privata, nel sud-ovest dell’Inghilterra. Ha portato un surplus di entrate di circa 23 milioni di sterline nel 2021-22.

Il ducato, creato nel 1337 da Edoardo III per suo figlio ed erede, il principe Edoardo, andrà al figlio maggiore di Carlo, il principe William, che ora è l’erede al trono.

M.S.

Secolo Trentino