Abbattere le statue per creare nuovi schiavi

La furia iconoclasta che vede i politicamente corretti yankee distruggere le statue ed i simboli sudisti ricorda, molto da vicino, le proposte di Fiano e Boldrine in Italia. Distruggere il passato, cancellare ogni memoria degli sconfitti. E poi, progressivamente, cancellare ogni memoria tout court. Perché la memoria crea identità ed i servitori della globalizzazione devono cancellare identità e memoria per forgiare l’uomo nuovo, lo schiavo sostituibile in ogni momento perché identico in ogni parte del mondo. Schiavi che accettano salari sempre più bassi perché ce lo chiede Soros, schiavi che si convincono di essere uguali ai padroni perché così viene spiegato. Schiavi del pensiero unico obbligatorio e globale. Schiavi che, come unico momento di libertà, diventano sempre più violenti ed aggressivi nei confronti di altri schiavi. Come le grandi risorse cecene che hanno ammazzato il ragazzo italiano in Spagna. Profughi in fuga dalla guerra, ovviamente, e pronti a portare la guerra contro chi li ha accolti.

Ma l’importante è cancellare ogni memoria, ogni ricordo, ogni identità e radicamento. “I vinti sono stati giudicati e condannati dalla storia “, ci spiegano gli eredi dei vincitori. In realtà i vinti hanno solo sbagliato i calcoli sulle armi con cui condurre la guerra. D’altronde la furia iconoclasta tocchera’, dopo i vinti, anche i vincitori politicamente scorretti. Abbatteremo le statue degli imperatori romani perché hanno occupato altre terre, cancelleremo Carlo Magno e Napoleone. Via le statue del risorgimento e, subito dopo, anche quelle del Rinascimento. Perché bisogna abbattere i simboli culturali, più pericolosi ancora di quelli militari. Bisogna aumentare l’ignoranza, riducendo lo studio. Non a caso si è scelta Fedeli come ministro della scarsa istruzione. Chi sa, comanda. Chi non sa, fa lo schiavo ed è talmente ignorante da non accorgersene. Eliminiamo Dante e Michelangelo e avanti con Fedez e J-Ax.

Augusto Grandi

Augusto Grandi
Informazioni su Augusto Grandi 359 Articoli
Dopo alcune esperienze in radio e testate locali, nel 1987 è diventato redattore del quotidiano economico Il Sole 24 ORE, come corrispondente per Torino, Piemonte e Valle d'Aosta. Oltre all'ambito giornalistico si occupa di romanzi di narrativi e saggistica. Nel 1997 ha vinto il "premio giornalistico Saint-Vincent" e nel 2011 è membro della giuria del "Premio Acqui Storia" nella sezione divulgativa. Dal 2011 è senior fellow del Centro studi Nodo di Gordio con cui collabora attivamente nella stesura di diversi articoli a sfondo geopolitico. Dal 2011 sono itineranti in Italia le sue mostre fotografiche sullo sfruttamento del lavoro nel mondo e sulla condizione del lavoro femminile, realizzate nell'ambito del Festival Nazionale della Sicurezza promosso dall'associazione Elmo e dal comune di Pergine Valsugana (Trento), col patrocinio dell'OSCE. Nel 2017 ha lasciato il Sole 24 Ore e conduce la trasmissione "Il Tafano" su Electoradio e su Radio Antenna 1. Editorialista sul mensile Espansione, collabora con la testata online "ongood".

Commenta per primo

Lascia un commento